Le riserve di Carbonio

se vogliamo affrontare il problema dell’effetto serra la nostra attenzione si rivolge soprattutto all’atmosfera, tralasciando quindi un altro aspetto fondamentale che è il suolo. 

Il terreno svolge un lavoro importantissimo in quello che è definito il “ciclo del carbonio”, infatti viene assorbito dall’atmosfera e usato dalle piante per svolgere la fotosintesi.

Le piante ne utilizzano una parte e quello in eccesso passa alle radici che lo depositano nel terreno ove vi rimane per lungo tempo anche migliaia di anni.

Il suolo in questo caso è una vera riserva di carbonio, prelevato dall’atmosfera, ma perchè ciò sia una buona cosa bisogna che l’uomo smetta di rovinare il suolo attraverso le desertificazione dovuta alle lavorazioni intensive.

Se non ci occupiamo della salute del suolo andremo quindi incontro ad un peggioramento delle condizioni climatiche e dell’effetto serra.

Il carbonio è un elemento fondamentale che costituisce la materia vivente. E’ sbagliato criminalizzare questo elemento come nocivo e responsabile dei cambiamenti climatici. Il problema è ben più vasto.

Al momento l’azione peggiore è senza dubbio l’agricoltura intensiva dove l’integrità del suolo non viene in alcun modo garantita, l’aratura profonda è senza dubbio una pratica sa sospendere se vogliamo evitare di liberare in atmosfera grosse quantità di carbonio.

Le emissioni di carbonio da terreni coltivati in modo biologico e rispettoso sono di gran lunga inferiori alle pratiche tradizionali. 


 link dell’articolo dove spiego il no-dig e i vantaggi 

6 pensieri su “Le riserve di Carbonio

  1. Bravo Mario ho scoperto anche il tuo blog, intanto sto divorando i tuoi video , che risolvono parzialmente gia delle domande che mi pongo nella progettazione di un posto come il tuo , la tv è spenta e guardo i tuoi progressi. A presto Serse

    • Ciao Serse, grazie per il tuo messaggio,
      sono felice che la tv sia spenta. io l’ho spenta quasi 8 anni fa’ e ancora sopravvivo hahahahha
      comunque mi fa molto piacere vedere che ci sono persone che si stanno “rivoltando” ad un sistema inutile e dannoso. evviva la resilienza e il senza veleni.

  2. Grande Mauro! piacere di conoscerti, mi chiamo Mario, e ti scrivo dalla provincia di Catanzaro, e da qualche giorno che seguo i tuoi video, e mi sono piaciuti tanto. Ho anche io un piccolo pezzo di terreno vicino a casa, ed è da anni che mi frulla in testa l’idea che hai avuto tu. Grazie per avermi dato l’input per portare avanti l’ idea, a presto…

    • Grazie Mario per le tue belle parole, ma soprattutto per aver deciso di intraprendere questa cosa. Vedrai che non resterai deluso e che il tuo orto andrà sempre meglio… ricordati la mia parola d’ordine “SENZA VELENI SI PUÒ” e non è difficile dimostrarlo.
      Credici fino in fondo anche quando vedrai che non tutte le cose vengono come vuoi….
      Un caro saluto GRAZIE.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *